CIT



Il calendario della stagione teatrale
Il programma degli spettacoli del Teatro Comico
Piccoli Palchi
Informazioni su Teatro & Scuola
Rassegna del Teatro nel Territorio
Le attività ospitate al Teatro Odeon di Latisana
Richiedi una prenotazione o maggiori informazioni
La struttura del Teatro di Latisana
Riferimenti, contatti e email del CIT
Torna alla Home Page del sito





TEATRO & SCUOLA
15a edizione – 2003

Spettacolo teatrale rivolto alle Scuole elementari:
18/19 marzo 2003
TEATRO ODEON - LATISANA

Ferruccio Filipazzi/Accademia Perduta
presenta
INSEGUENDO LA BALENA BIANCA – MOBY DICK
ideazione e regia
G. Bonaldi, A. Castiglioni, F. Filipazzi

testo
F. Filipazzi

con
F. Filipazzi, E. Bertuzzi

scene e costumi G. Bonaldi, A. Castiglioni- luci e suoni P. Rossi – musiche E. Cella
Io spettacolo comincia con due lanterne magiche: su di una è scritta un pezzo della storia di Melville, sull'altra sono disegnate delle balene bianche. La storia di Moby Dick viene raccontata da due punti di vista: quello del capitano Achab, dei marinai della Pèquod, la temutissima baleniera, e quello delle balene; la leggenda del grande Dick, tramandata attraverso i canti dei marinai agli uomini che sanno ascoltare. E' Moby Dick, una gobba come un mucchio di neve, una balena che nessuno, fino ad oggi, ha potuto vincere tanto che sembra quasi immortale. Così dicono i marinai delle baleniere che vedono l'enorme cetaceo bianco tutto coperto di corde, rughe e grinze, un affascinante misterioso avversario che è bene scordare di avere incontrato. La lunga caccia culmina in tre giorni di lotta selvaggia e scatenata'...ma i pesci, grandi e piccoli, cosa vedono di tutto questo? Come vedono i marinai, gli uomini e le navi su cui viaggiano?
Un narratore e una cantante ci accompagneranno in questo viaggio per mare; una piccola balena in una vasca d'acqua turchese ci rivela la storia tramandata dai cetacei. La scena è un 'non luogo' che tutto evoca: lo scheletro di una poltrona da narratore ci ricorda quello delle grandi balene, ma è allo stesso tempo anche il simbolo della nave cannibale; a terra è appoggiato il libro di Moby Dick ma le sue parole scorrono, proiettate da un lanterna, sul fondale che diventa pagina, vela, mare.
Abbiamo cercato di restituire la dimensione visionaria dove un frammento evoca l'intero; dove la descrizione più puntualmente scientifica diventa metafora della vita. Arriva lo scontro tra Moby Dick e Achab ... sulla nave piena di luci i marinai non riescono a dormire, si credevano invincibili e invece oggi Dick li ha umiliati, adesso anche loro, come le mille balene cacciate, hanno paura... per distrarsi cantano, ma ad un tratto .... 'LAGGIU'...LAGGIU? SOFFIA!' e Moby Dick appare in dimensioni reali. Dedichiamo questo spettacolo a tutti gli animali, grandi e piccoli, che vengono uccisi stupidamente dagli uomini.

Genere: teatro d'attore
Durata: 60 minuti





© 2002/15 Centro Iniziative Teatrali | Credits | Contact | Links | Technology: MacPremium™
.